top of page

Vaginiti e cistiti ricorrenti: un lavoro di equipe per cura e prevenzione.

Aggiornamento: 5 ott 2023


Una donna che soffre di vaginite e cistite  con bruciore e prurito vaginale e fastidio ad urinare


Molte pazienti si rivolgono a me e alle mie collaboratrici perché da anni hanno cistiti e vaginiti ricorrenti. Purtroppo facendo l’anamnesi scopro che molte di loro non hanno mai eseguito urinocoltura o tamponi vaginali completi e che hanno spesso abusato di antibiotici non specifici per l’infezione in corso.

Bruciore prurito perdite vaginali e dolore durante i rapporti sono tra i sintomi più frequenti e spesso sottovalutati per anni fino a portare a problemi più gravi come cistiti emorragiche, infezioni renali e soprattutto problemi di fertilità.


Propongo alla mia paziente di ripartire facendo uno screening completo delle infezioni urinarie, vaginali e del collo dell’utero con esami microbiologici e pannello molecolare per infezioni sessualmente trasmesse (MST) in pcr molecolare.

Ricordo sempre alle mie pazienti che possono contagiarsi con malattie sessualmente trasmesse anche con lo scambio di fluidi corporei ad es. scambio di asciugamani, frequentazione di bagni pubblici e luoghi promiscui come palestre e piscine.


È sempre necessario testare comunque anche il partner e trattarlo con farmaci se necessario. Per testare il partner maschile si può fare un tampone uretrale, ma di solito viene preferita l’esecuzione dell’esame su liquido seminale.


Quando viene stabilita la diagnosi si instaura una terapia mirata, se possibile si evita la somministrazione antibiotici. È possibile evitare antibiotici quando la paziente risponde bene alle terapie alternative e non ha infezione a reni e tube, ma soprattutto quando la paziente è compliante e segue le istruzioni sia per le terapie che per i controlli successivi. Ricorda che nella maggior parte dei casi di infezioni ricorrenti la terapia è soprattutto basata sulla prevenzione e sullo stile di vita.

Evitare antibiotici è fondamentale per preservare la flora lattobacillare che forma il microbiota intestinale e di conseguenza il microbiota della vagina.

Il microbiota corretto svolge una protezione fondamentale da infezioni urinarie e vaginiti.

Esiste la possibilità di testare i microrganismi intestinali con il test del microbioma (un test che identifica il corredo genetico dei batteri) alcuni test sono molto precisi e ci danno indicazioni fondamentali per programmare una dieta mirata con un nutrizionista esperto.

Purtroppo mi capita molto spesso di visionare dei test del microbioma non precisi o non eseguiti correttamente, la scelta del test da eseguire andrebbe fatta sempre con il ginecologo curante o con il nutrizionista esperto.

E’ fondamentale formulare una dieta personalizzata per il ripristino del microbiota e seguire la paziente nel tempo per monitorarne l’effetto in base alla sintomatologia.


Nella maggior parte dei casi associamo integratori della flora lattobacillare ad esempio il lattobacillo crispatus ad una dieta mirata studiata da un nutrizionista esperto che mira a far crescere e prolificare i batteri contenuti nell’integratore.

La flora somministrata con gli integratori inizia dopo alcune settimane la migrazione verso la vagina e ne va a costituire il microbiota.

E’ fondamentale che a livello vaginale ci sia l’ambiente giusto per far prolificare e sopravvivere i lattobacilli. A questo propongo un'innovativa terapia con ossigeno molecolare associata a farmaci di varia natura che vengono somministrati direttamente per via vaginale. L’ossigenoterapia vaginale favorisce l’incremento dei processi riparativi dei tessuti, aumenta la sintesi di collagene e induce la stimolazione neoangiogenetica per la creazione di nuovi vasi sanguigni attraverso il rilascio del Vascular Endothelial Growth Factor (VEGF). Il neocollagene rigenerato nella matrice extracellulare della pelle può legare una grande quantità di molecole d’acqua contribuendo al mantenimento dell’equilibrio idrico del tessuto.


Se soffri di vaginiti e cistiti ricorrenti ricorda di non utilizzare prodotti se non prescritti da un medico esperto che farà accurata anamnesi visita ginecologica ed esami mirati. Ricorda che è fondamentale prevenire le infezioni, non solo con trattamenti mirati, ma soprattutto modificando lo stile di vita.


21 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments


bottom of page